Ritorno delle candele

Posted by on 16, febbraio, 2021 in Appunti sulla moda | 0 comments

Ritorno delle candele
L’energia elettrica è oggi fondamentale per la nostra vita quotidiana e per visualizzare ciò che ci sta attorno se i raggi del sole non ci supportano. In ogni luogo ove entriamo, se c’è buio, l’istinto ci dice di pigiare un bottone per avere luce. Nelle epoche passate, però, non era così infatti si utilizzavano altri strumenti di illuminazione che oggi sono diventati degli arredi decorativi che rendono l’atmosfera casalinga raccolta, romantica, profumata e gradevole. Le candele si sono trasformate da elementi necessari alla vita quotidiana a componenti eleganti delle nostre case.
Le prime “candele” – se così si possono definire – erano torce di grasso animale ed erano utilizzate da popoli antichi come gli Egizi, gli Assiri, i Greci e i Romani. Esse venivano poste nelle case, nelle tombe, sugli altari e usate per scrivere o costruire statue. Poi si sono integrate ai candelabri iniziando ad essere espressione di differenza sociale: i poveri usavano quelle di grasso animale che emanavano cattivo odore mentre i ricchi quelle di cera d’api dolci e profumate.
E’ l’Ottocento (1820 circa) la vera rivoluzione delle candele con la scoperta della stearina e il primo brevetto della candela moderna grazie a Chevreul e Gay Lussac. Newton realizzò circa 25 anni dopo la prima  macchina per le candele fino ad arrivare alla raffinazione del petroli e all’uso della paraffina per produrre le candele.
Interessante sapere che altri popoli antichi utilizzavano altri elementi presenti in natura per produrre le candele e la loro luce: in Giappone era il mallo della noce e in India la resina dell’albero della cannella.
Oggi le candele e i candelabri sono diventati degli elementi d’arredo e stanno diventando sempre più di moda. Esse creano atmosfera oltre ad essere di design attraverso le forme, lo stencil e il decoupage.
Quando la stagione fredda inizia ad arrivare o quando desidero rilassarmi, sono le candele profumate a farmi compagnia. Vi consiglio – se già non lo fate – di riscoprire l’uso di questi oggetti creatori d’atmosfera misteriosa e profumata.
A presto! Lady RSJ

Commenti social

commenti

Dì la tua... scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Formula test! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>